• Blu Balenciaga

Moda
Blu Balenciaga

Spiazza, innova e piace come Gucci nel 2015: il futuro della moda è qui

Ci sono gli stilisti che fanno sognare (vedi qui la sfilata di Pier Paolo Piccioli per Valentino, che magistralmente interpreta la tradizionale eleganza del marchio innovandola ogni volta) e quelli che invece intendono esplorare la moda e i suoi codici, utilizzandola però per leggere, tradurre e interpretare la realtà, con un intento quasi sociologico.

A questo secondo gruppo appartiene sicuramente Demna Gvasalia, stilista di Balenciaga, che ha voluto ambientare la sfilata Primavera/Estate del marchio in una sorta di “parlamento” in cui investigare il concetto di “power-dressing and fashion uniforms”. L’idea è proprio quella di effettuare uno studio socio-stilistico, attraverso il linguaggio della moda, della struttura dei dress code attuali.

View this post on Instagram

@balenciaga SS 2020 by @demnagvasalia ❤ #PFW

A post shared by Nini Barbaqadze (@ninivibes) on

Modelli e modelle si alternano a professionisti di ogni età (architetti, ingegneri meccanici, galleristi, insegnanti di lingue, addetti alle pulizie di hotel, ginnaste, musicisti, chef e studenti) indossando le “nuove divise della moda”, lungo una passerella circolare blu-UE: completi giacca e pantaloni blu oversize, abiti con spalline che ridefiniscono il concetto di “maxi”, soprabiti plissé, pantaloni da motociclista, piumini che sembrano gonfiati dall’interno, fino ad arrivare agli scenograficissimi abiti da sera del finale, che si rifanno alle silhouette tratte dai dipinti spagnoli così cari al fondatore. Originale anche il trattamento riservato all’iconico logo, che spesso sembra diventare quello di Mastercard, inserito tra due semicerchi colorati, o posto su targhette di riconoscimento. Osservando bene, si notano inoltre gli artificiali zigomi prostetici o le labbra innaturalmente gonfiate di alcuni modelli.

Per poter giocare così con la moda, mescolandone i codici, disseminando citazioni e riferimenti, e contemporaneamente facendo un’analisi sociologica, occorre conoscerla molto bene: questa forse la lezione maggiore di un giovane designer che non a caso è fra i più considerati della sua generazione.

Valentina Monti
Photo balenciaga.com + instagram.com