Moda
La meravigliosa mostra Pucci / Bonaveri

Manichini Bonaveri vestiti con abiti e accessori Pucci: una meraviglia

Cosa succede quando due grandi nomi del made in Italy si incontrano e decidono mettere in comune le rispettive storie e capacità artigianali? Ne nasce un cameo di mostra che per soli 4 giorni ha illuminato Pitti Immagine Uomo a Firenze come la perla di una delle installazioni che Emma Davidge – Creative Director di Chameleon Visual – ha progettato per questo percorso di suggestioni che rivoluziona il ruolo del manichino, attraverso una serie di installazioni nelle quali diventa protagonista e narratore dell’universo estetico di Emilio Pucci.

I manichini d’eccellenza del marchio emiliano sono stati vestiti con i colori, le grafiche, gli abiti e gli accessori iconici della casa di moda fiorentina, in un dialogo fra oggetti che, come una musica ben orchestrata, ha avvolto i visitatori in un universo di bellezza e artigianalità, portando il concetto di savoir faire oltre il limite del concreto.

Accolti nel Cortile Centrale dello storico Palazzo Pucci da un manichino gigante di 6 metri circondato da altri dell’archivio Bonaveri degli anni ’70, tutti decorati con i colori del famoso print “Vivara”, i visitatori hanno poi transitato come in una passerella dalla galleria in cui 57 manichini vestiti dei 31 iconici colori pantone che hanno reso Pucci un marchio simbolo del ‘900, sedevano come spettatori. Installazioni, oggetti, uso creativo di materiali e un laboratorio a piano terra in cui gli artigiani di Bonaveri hanno svelato i segreti del loro saper fare artigianale davanti agli occhi dei visitatori, per un evento che ha stregato anche Suzy Menkes, temutissima International Editor Vogue.

Valentina Monti
13/7/2018

- Articoli correlati