Arte
Frida Kahlo al Mudec

Cose belle da fare durante il ponte del 25 Aprile

Oltre l’amore tormentato con Diego Rivera, oltre i suoi problemi fisici, oltre le stampe etniche dei suoi abiti, i fiori nei suoi capelli, l’iconografia delle sue sopracciglia unite: Frida Kahlo. Oltre il mito è la mostra che il MUDEC di Milano dedica all’artista messicana con il preciso intento di analizzarne l’opera superando il mito che ormai avvolge la sua figura. Diventata icona suo malgrado, simbolo delle donne libere, delle menti pensanti, della resilienza e della capacità di trarre arte dai mali che la vita le aveva riservato, tutto questo ha spesso rischiato di oscurare la realtà di un’artista fra le più importanti del XX secolo che ha creato e usato consapevolmente sé stessa e il proprio linguaggio artistico per innovare e smuovere le coscienze.

La mostra, organizzata in collaborazione con l’Instituto Nacional de Bellas Artes (INBA) del Governo della Repubblica del Messico, raccoglie più di cento opere tra dipinti, disegni e fotografie (alcuni mai visti in Italia), divise in quattro sezioni tematiche: Donna, Terra, Politica e Dolore. Aperta fino al 3 giugno, le sia affianca la mostra gemella IL SOGNO DEGLI ANTENATI”. L’archeologia del Messico nell’immaginario di Frida Kahlo che, tramite reperti precolombiani delle collezioni permanenti del museo e foto storiche e immagini di opere dell’artista, mostra le profonde influenze che l’arte mesoamericana ha avuto nella poetica di Frida.

Valentina Monti
24/4/2018