• Pepe Rossetti per ciano

Cultura
L’asilo più bello d’Italia (e forse del mondo)

Struttura pubblica ricostruita dopo il sisma in Emilia: in Italia, quando vogliamo, siamo i più bravi del mondo

Quando si parla di scuole ed educazione, soprattutto nella fascia 0-3 anni, pedagogia e psicologia non possono essere le uniche materie coinvolte. In Emilia lo sanno da sempre (non a caso il modello Reggio Children è diventato un riferimento d’eccellenza internazionalmente riconosciuto) e, quando il terremoto del 2012 ha reso necessario ricostruire le scuole danneggiate, è stata colta l’occasione per coinvolgere lo studio Mario Cucinella Architects di Bologna, e creare qualcosa di unico.

Così, i bambini di Guastalla, dal 2015 possono frequentare un asilo nido di legno e vetro dalle linee curve e accoglienti, che assomiglia al ventre della balena di Pinocchio, in cui tutto è pensato per ridurre l’uso di risorse energetiche e naturali, e per essere di stimolo ai bambini sotto ogni punto di vista: sensoriale, estetico, relazionale, ecologico, ambientale.
1.400 mq di una struttura bellissima e visivamente leggera, con telai di legno lamellare che riprendono il motivo dei filari degli alberi e dei tracciati dei campi coltivati, circondata da un giardino dei sensi pieno di cespugli e piante aromatiche, che, con i suoi 1.600€ a mq, ha dimostrato che costruire con criterio e senso estetico non è necessariamente più costoso.

“La costruzione di ambienti per i più piccoli può essere uno spunto di riflessione sul ruolo dell’architettura, che non è solo materia da riviste patinate, ma può diventare strumento educativo: lo spazio condiziona i comportamenti e bambini cresciuti in un ambiente confortevole, stimolante, adatto alle loro esigenze, saranno adulti più consapevoli” (Mario Cucinella).

Valentina Monti
9/1/2018