• franca sozzani

Moda
Addio a Franca Sozzani

Si ritrovò a lavorare per Condé Nast senza sapere niente di moda, inizialmente impiegata come segretaria. Di lì una carriera straordinaria…


Di Mantova, nata il 20 gennaio 1950. Giornalista e Direttrice dell’edizione italiana di Vogue dal 1988 fino alla morte, oggi, a soli 66 anni. Laurea in Lettere alla Cattolica, si ritrovò a lavorare per Condé Nast senza sapere niente di moda, inizialmente impiegata come segretaria. Di lì una carriera straordinaria.

“Occhi celesti, lunghi capelli biondi, struttura minuta e apparentemente fragile. È una delle donne più potenti che esistano nel mondo della moda. Dicono che si accorge con anni di anticipo di tutte le tendenze. Forse anche perché le determina” (Claudio Sabelli Fioretti).

Prima redattrice di Vogue bambini, poi la Condé Nast fece l’edizione italiana di Glamour, “ma l’inizio con Vogue è stato molto sofferto. Io facevo un’immagine che pochi capivano. Il successo l’ho raggiunto quando gli altri si sono messi a fare la stessa cosa”.

― Si accorge con anni di anticipo di tutte le tendenze

È stata nominata ambasciatrice del Programma alimentare mondiale dell’Onu (il Wfp). Nel 2012 Nicolas Sarkozy le conferì la Legion d’onore. “In qualche modo ci ha lanciate tutte: infatti per Vogue Italia noi siamo sempre pronte ad accorrere” (Naomi Campbell).

Tra le sue manie: “Conservo le scarpe di Manolo Blahnik, sono oggetti splendidi che mi piace guardare. No, non è vero che sono altera e che non saluto. Sono miope. Porto i famosi occhiali neri, sempre, non per vezzo ma per reale esigenza”.

Dice che la sua magrezza leggendaria è di famiglia: “Mangio male, ho il colesterolo alto. Pane, formaggi, dolci. Soprattutto dolci. Vogliamo parlare del cioccolato? Dieci, anche 12 Ciocorì al giorno dalle macchinette della Condé Nast”. Afferma di non aver mai provato un tiramisù in tutta la sua vita.

Si lavava i capelli da sola e li lasciava asciugare all’aria.

Fonte: biografia completa su cinquantamila.it

Alessandro Di Giacomo
22/12/2016