• Gianni Fiorito La grande bellezza
  • C  fotogallery  lstFoto foto  upiFoto
  • C  fotogallery  lstFoto foto  upiFoto
  • o
  • ristorante ferilli
  • san calisto

Cultura
“La Grande Bellezza” di Roma

Dal bar anni ‘70 di Trastevere alla boutique in marmo dell’Eur vicino la sede della Fashion Night della settimana prossima: indirizzi e storia di cinque posti unici

Più che un film, per la cura di ogni dettaglio, ogni suo frame è potenzialmente un’opera d’arte. La Grande Bellezza, Oscar come miglior film straniero 2013, valorizza meravigliosamente location romane già famose, ma soprattutto ce ne fa scoprire altre meno note. Nella città potenzialmente più bella al mondo, e soprattutto in questi anni in cui attraversa molte difficoltà nel far emergere la sua unicità per storia, arte e cultura, il film di Paolo Sorrentino continua a essere un mezzo potentissimo di valorizzazione del nostro patrimonio artistico e culturale… Sintetizzato in questi cinque simbolici luoghi che abbiamo scelto di descrivere.

― Ogni frame è potenzialmente un’opera d’arte

1. La mega terrazza della grande festa di Toni Servillo / Jep Gambardella, in una delle prime e più famose scene del film, ambientata nella prestigiosissima zona di via Veneto, la stessa de La Dolce Vita di Fellini. Un palazzo di architettura fascista facilmente rintracciabile dal grande logo Martini a neon che si vede a distanza, anche dalla strada, e che è lì da anni.

2. La casa di Jep, dove si rilassa sull’amaca e si intrattiene con i suoi amici intellettuali in lunghe discussioni. Nel rione Celio, con clamorosa vista sul Colosseo, è in un palazzo degli anni Venti da poco ristrutturato. Identica incredibile vista c’è anche dall’attico bistrot dell’Hotel Capo d’Africa, in via Capo d’Africa 54.

3. La boutique in marmo dove Jep va con Sabrina Ferilli / Ramona a scegliere l’abito per il funerale del figlio di Viola è nel Salone delle Fontane dell’Eur (via Ciro il Grande 10), quartiere fatto costruire da Mussolini per l’Esposizione universale del 1942 che poi non si svolse per lo scoppio della Seconda Guerra mondiale. Il grande salone di marmo è tra l’altro a 200 metri alle spalle del Palazzo dell’Arte Antica, dove si terrà la nostra Fashion Night il 25 e 26 settembre.

4. Il bellissimo ristorante dove Jep cena con Ramona e incontra Antonello Venditti è all’interno della Veranda Dell’Hotel Columbus, in Borgo Santo Spirito 73, a un passo dal Vaticano.

5. Infine il bar San Calisto, in piazza di San Calisto a Trastevere, location di una delle scene più simboliche e felliniane del film: in rallenty, Jep entra per comprare le sigarette e attraversa la sala interna contornato da una signora in un improbabile vestito da sera, la TV accesa e anziani in pigiama… Uno degli ultimi luoghi rimasti ancora intrisi della stessa romanità genuina di 40 anni fa.

14/9/2016
Alessandro Di Giacomo