• Anthony Gebrehiwotvxyphoto
  • AFROPUNK FEST   Photos by Phillip Anthony CoffeeShopStudios
  • Anthony Gebrehiwotvxyphoto
  • AFROPUNK FEST   Photos by Phillip Anthony CoffeeShopStudios
  • Anthony Gebrehiwotvxyphoto
  • AFROPUNK FEST   Photos by Phillip Anthony CoffeeShopStudios
  • Anthony Gebrehiwotvxyphoto
  • Anthony Gebrehiwotvxyphoto
  • AFROPUNK FEST   Photos by Phillip Anthony CoffeeShopStudios
  • AFROPUNK FEST   Photos by Phillip Anthony CoffeeShopStudios
  • ss  afropunk mn  dbaeaeeecdaeae
  • ss  afropunk mn  dbaeaeeecdaeae
  • ss  afropunk mn  dbaeaeeecdaeae
  • ss  afropunk mn  dbaeaeeecdaeae
  • ss  afropunk mn  dbaeaeeecdaeae

Moda
AFROPUNK Fest 2016

L’OMBELICO DEL MONDO / Lo street-style del futuro al festival di Brooklyn

Bisogna ammetterlo. Esistono pochi eventi al mondo capaci di veicolare un tale interesse. E pensare che tutto era nato da un gruppo di afroamericani stanchi di essere identificati come tali. Il colore della pelle, per loro, non voleva dire cultura. Semmai il contrario. L’AfroPunk Fest 2016 di Brooklyn lo scorso weekend non ha deluso le aspettative. Gli obiettivi dei migliori fotografi erano tutti per i partecipanti al festival. Tutti incredibili. Tutti con un messaggio da comunicare attraverso il proprio stile e la propria vita. È difficile parlare di tendenza all’AfroPunk. Perché le persone che si incontrano non vengono da luoghi omogenei. Brasile, St. Louis, New York, Costa d’Avorio, Portogallo. Perché non esiste una linea da seguire. A parte quella della libera espressione di sé stessi (qui l’elegante serie di ritratti pubblicati da NBC NEWS).

― Senza schemi e barriere

Gli stili più disparati, mischiati in un melting pot senza confini geografici e culturali. Donne che vestono pantaloni da uomo con le pences e canottiere da aerobica. Uomini altissimi, con jeans alla caviglia e t-shirt stampate con disegni naïf. Bretelle, bracciali, calzettoni. Acconciature coloratissime. Stile afro, ovviamente, ma anche i classicissimi della break dance, rasature altissime e geometrie ortogonali, a squadrare visi di una bellezza sorprendente. Tinte spiazzanti. Ha sorpreso l’uso di colori accesi come il celeste, il lilla, il granny hair esasperato in bianco. All’AfroPunk Fest chi sale sul palco, che si chiami Lenny Kravitz o Lauren Hill, sta diventando ormai quasi una cornice del pubblico. Chi c’è stato ci ritorna. Chi non c’è stato dovrebbe andarci. È come trovarsi al centro del mondo. Senza schemi e barriere. Solo la grande libertà di inventare, una volta ancora, la maniera di rendere la vita un’avventura bellissima.

Photo Elias Williams / for NBC NewsPhillip Anthony / Coffee Shop Studios 301 / CoffeeShopStudios301.com +  Anthony Gebrehiwot www.xvxyphoto.com @xvxyphoto

1/9/2016
Federico Flamminio / Alessandro Di Giacomo