• foto    masayoshi sukita  the david bowie archive
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra
  • David Bowie is MAMbo veduta della mostra

Arte
“David Bowie is” / A Bologna il glamour diventa arte

Al Museo MAMbo fino al 13 novembre la mostra kolossal sul genio inglese

Si intitola David Bowie is, la più spettacolare, completa ed esaustiva retrospettiva sulla carriera di David Bowie, a cura del Victoria & Albert Museum di Londra. A Bologna dal 14 luglio al 13 novembre (qui il sito dell’evento). Ma è dal 2014 che l’allestimento sta spopolando in mezzo mondo, già proposto a Londra, Berlino, Chicago, Parigi, Melbourne, Groningen… “Bowie non è popstar ordinaria – spiega la co-curatrice della mostra Victoria Broackes -. Lui si è inserito in ogni area della nostra cultura, dalla musica alla moda fino alle performance e al design”.

Più di 300 pezzi esclusivi tra costumi, foto, video, manoscritti, installazioni, addirittura un dipinto di Iggy Pop realizzato da Bowie del 1970 a Berlino. Bowie stesso ha prestato il 95% degli oggetti in mostra, comprese pagine con i testi delle canzoni scritti di suo pugno, bozze di idee, disegni, oltre 60 costumi, fotografie ed i suoi strumenti musicali. Star mondiale dalle camaleontiche trasformazioni, scomparso lo scorso 10 gennaio, Bowie ha attraversato trent’anni di musica ed innumerevoli generi: “Da adolescente, si trasforma da semplice David Jones – nato nel 1947 e cresciuto nelle grigi sobborghi di Londra – a esotico David Bowie. Poi ha continuato a creare una serie di personaggi come l’astronauta Major Tom, la rock star aliena Ziggy Stardust, il tormentato Aladdin Sane e l’enigmatico Sottile Duca Bianco” (Sara Bertuccioli, Huffington Post). Lo straordinario successo della retrospettiva sulla carriera di David Bowie non è solo un riconoscimento a una star mondiale, soprattutto eleva il glamour a forma d’arte contemporanea della fine del XX secolo.

Alessandro Di Giacomo
28/7/2016