• luisa spagnoli slide
  • luisa spagnoli
  • luisa spagnoli slide

Cultura
Luisa Spagnoli, una storia da favola

Il film su Rai Uno conquista tutti

Ieri sera c’è stata la seconda e ultima parte, e se non l’avete ancora visto dovete farlo (disponibile in streaming su rai.tv qui). Quella di Luisa Sargentini in Spagnoli è una favola d’altri tempi, e il film in due puntate interpretato da Luisa Ranieri ne racconta con stile e passione i successi in campo imprenditoriale, ma soprattutto la vita di una donna visionaria, inventrice tra gli altri dei famosi Baci Perugina e fondatrice del colosso di abbigliamento che ancora oggi porta il suo nome.

Di umili origini, figlia di pescivendoli, Luisa Sargentini nasce a Perugia nel 1877. Fin da bambina sogna di aprire una confetteria, e quando sposa il musicista Annibale Spagnoli decidono di acquistare una drogheria in centro dove comincia a produrre dolciumi. È l’inizio dell’ascesa che la porta ad entrare in società con Francesco Buitoni e fondare la Perugina e i famosi Baci, quando dalla sua grande attenzione e cura dei dettagli, in fabbrica nota uno spreco, restano alcuni residui nella lavorazione delle nocciole; comincia così a impastarli a forma di cioccolatino, su cui pone una nocciola in cima: nasce il primo Bacio (e sua è anche l’idea di confezionarli con i famosi fogliettini di frasi romantiche).

Sempre curiosa e alla ricerca di novità e stimoli, mentre pettina dei conigli a pelo lungo si accorge della morbidezza della loro lana, e inizia a creare golf, scialli e abiti in lana, che disegna da sola, iniziando ad essere anche stilista. È un successo immediato, e nasce così, con il suo cognome da sposata, la rete di negozi di abiti femminili oggi presente in tutto il mondo. La prima donna in Italia ad entrare in un consiglio di amministrazione, tra le prime a guidare un’auto e che nel dopoguerra ha messo a disposizione delle sue operaie nursery per i loro bambini introducendo anche il diritto all’allattamento. Morta nel 1935, a soli 57 anni, la vita di Luisa Spagnoli è una soprattutto una bellissima storia italiana che è giusto e importante ricordare.